scacchi

Progetto scacchi: un altro modo per fare coding

Se ti va condividi l'articolo!

Pubblicità

Nella nostra scuola quest’anno abbiamo la fortuna di avere un super nonno che gioca molto bene a scacchi… una volta a settimana, per tutto l’anno, la classe si divide in due gruppi: un gruppo va in aula d’informatica e l’altro gruppo rimane in classe a giocare a scacchi. Un’ora di coding quindi alla vecchia maniera. I bambini si sono molto appassionati. Questa settimana dopo un paio di lezioni di spiegazione generale del “campo di battaglia”, hanno iniziato a giocare usando solo la torre, il re e la regina.

Molto emozionante vederli lì a riflettere silenziosi per capire la mossa giusta.

I genitori della mia classe che sono sempre davvero molto disponibili, ci hanno regalato le scacchiere… Dividendo la classe in due gruppi ed essendo quindi in 13 ne sono bastate 6.

La pratica scacchistica, oltre alla naturale stimolazione delle competenze logiche, porta all’affinamento dell’intuizione e delle capacità gestionali di situazioni problematiche, che produce l’accettazione dei propri limiti e degli eventuali insuccessi da un lato, ed il consolidamento dell’esercizio della pazienza e della correttezza dall’altro, tramite il gioco, il rispetto delle regole e dell’avversario.

E’ stato dimostrato, infatti, che l’utilizzo degli scacchi a scuola può essere un valido supporto per lo sviluppo delle competenze matematiche, poiché richiede il saper riconoscere e formulare problemi matematici in situazioni varie, ma favorisce anche l’interazione con gli altri, ponendo i ragazzi di fronte alla necessità di tener conto del punto di vista altrui, superando così il loro naturale egocentrismo ed aprendosi ad un confronto positivo con gli altri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Io insegno in una quarta, ma il progetto può coinvolgere tutte le classi secondo me, a diversi livelli naturalmente. In prima ad esempio potrebbero iniziare a conoscere i personaggi come in una fiaba … in seconda usare pochi pezzi alla volta… e così via.

Se non avete volontari che sanno giocare a scacchi, vi consiglio questo libro, perché affronta passo passo le regole degli scacchi in modo davvero divertente.

SCACCHI